Passa ai contenuti principali

DERMOPIGMENTAZIONE VS MICROBLADING



Tra le tendenze in campo estetico negli ultimi anni, una in particolare e’ molto gettonata, ossia la valorizzazione delle sopracciglia. Dopo le “spinzettate” degli anni 90 dove la moda imponeva delle sopracciglia molto sottili, ci siamo ritrovate a fare i conti con delle forme che difficilmente torneranno belle piene. Ma non solo danni estetici, anche piccole imperfezioni naturali che interessano anche occhi e bocca.

La Dermopigmentazione e il microblading rappresentano una valida alternativa al make up, che pur essendo molto valido per risolvere questi particolari estetici, spesso ci porta via molto tempo e richiede quel tocco di precisione che solo un professionista riesce ad avere.

Attenzione però’, anche in questo caso, la scelta della tecnica e del professionista potrebbero non migliorare la situazione e  addirittura peggiorarla con danni che potrebbero non risolversi in maniera facile.

Rosanna Scarbolo titolare del centro idet di Roma ed esperta di Dermopigmentazione ci spiega la differenza e i vantaggi di una tecnica rispetto all’altra.

“La dermopigmentazione, meglio conosciuta come trucco permanente o microblading, altro non è che un tatuaggio. Infatti il termine “permanente”, sta ad indicare il permanere nel derma una volta impiantato il pigmento. La differenza tra la dermopigmentazione e il tatuaggio è data dal tipo di macchinario e dal tipo di pigmenti utilizzati.

I pigmenti del tatuaggio, una volta impiantati nel derma, permangono a vita in quanto sono rivestiti da resine acriliche, mentre i pigmenti utilizzati per il trucco permanente, hanno la caratteristica di essere riassorbiti per fagocitosi. Il periodo di riassorbimento del pigmento varia da persona a persona in base alle caratteristiche della propria pelle e variabili personali. Considerando che la fisionomia del viso nell’arco degli anni è soggetta a cambiamenti, i pigmenti della dermopigmentazione, permettono nell’arco del tempo di riadattare la giusta forma e colore personalizzando così il progetto.




TECNICHE DI DERMOPIGMENTAZIONE

1. MECCANICA: nella quale si usa il dermografo alimentato elettricamente, è una macchinetta simile a quella del tatuatore dove l’escursione dell’ago, avanti e indietro, pigmenta dei micropuntini molto ravvicinati creando visivamente una linea che simula il pelo.

2. MANUALE: comunemente conosciuta come “microblading“, (micro lama) altro non è che uno strumento alla cui estremità si inserisce una lama dove sono montati degli aghi e per trascinamento sulla pelle si crea una linea che simula ‘il pelo”.

Non tutte le pelli sono adatte a ricevere questo tipo di trattamento. A differenza di quella meccanica, nel 90%dei casi, si eseguono principalmente sopracciglia, mentre con la dermopigmentazione elettrica si seguono trattamenti alle sopracciglia, labbra, occhi, paramedicale tricopigmentazione e molto altro.

Con entrambi le tecniche si usano vari tipi di aghi che variano in base al tipo di lavoro da creare, un po’ come i pennelli per il truccatore.

Il segreto per ambedue le tecniche sta nella professionalità dell’operatore e nel talento di saper utilizzare le proprie mani nell’eseguire il lavoro.

https://www.idetroma.it/


Istituto IDET S.r.l.s.

Tel:06 8934 8051 – Cell: 389 0006629

via Giovan Battista Gandino, 30/32 – 00167 Roma




Commenti

Post popolari in questo blog

ALADIN AL TEATRO BRANCACCIO DI ROMA DAL 2 DICEMBRE

Dopo il successo della stagione 2019-2020  ALADIN il Musical Geniale  prodotto da  Alessandro Longobardi  per  OTI Officine del Teatro Italiano  in collaborazione con  Viola Produzioni  torna in scena al Teatro Brancaccio e in tour in una nuova versione e con un cast parzialmente rinnovato ,  con   l’intento di replicare il grande successo di “ Rapunzel  il Musical”, “Peter Pan il musical” e “La Regina di Ghiaccio il musical” tutti ideati e diretti da Maurizio   Colombi.   Più di un family show, il musical, liberamente ispirato ad una delle più celebri  novelle  orientali de  Le mille e una notte , ripercorre le avventure di Aladino e del genio della lampada, in un sontuosa ambientazione medio-orientale con alcune contaminazioni in stile Bollywood nelle musiche originali, negli arrangiamenti musicali, nelle coreografie e nei costumi.    Emanuela Rei  è  un’affascinante  Jasmine, in apparenza indifesa, nella realtà ribelle e indipendente, pragmatica e risoluta. Attrice in numerose serie

CARMEN ALESSIO PRESENTA STAREVOLUTION - IL NUOVO MODO DI CONCEPIRE IL PIUMINO

Non  un semplice marchio ma un nuovo modo di concepire il piumino,  STAREVOLUTION  nasce da un’idea di Carmen Alessio. Brevettato a livello mondiale, il piumino diventa un capo d’ abbigliamento  costituito da tre moduli interscambi abi li  e reversibili  che danno la possibilità di trasformare  l’ outfit  ben 4 volte .   Una vera  e propria  rivoluzione nel  campo  della moda. Un capo contemporaneo, trasformabile e funzionale che permette di risparmiare spazio, tempo e soldi. Il fil  r o u ge  della collezione primavera-estate 2019 è caratterizzato da un mix di colori e un esplosione green di foglie in bianco e nero, attimi di respiro dove i piumini si richiamano ai toni della natura,   ai marroni della terra,   alle nuance del beige del deserto,   all’azzurro immancabile del mare. “Quando creo una collezione,   ogni cosa può diventare fonte di ispirazione.   Penso al piumino come un capo 24h, nel senso che si può utiliz

LAURA BIAGIOTTI SFILATA AL CAMPIDOGLIO

  Biagiotti manda in scena il suo Amor per Roma. La collezione sublima le icone della città: l’opulenza artistica, la grande bellezza cinematografica, lo stile di vita. Il nuovo guardaroba cattura l’ossimoro di Roma: la leggerezza delle pietre che, per magia alchemica, si sciolgono dell’acqua delle fontane. Si aggiunge un atteggiamento inedito, mutuato dalla contaminazione con il mondo del golf: un’energia rigenerante che veste nuovi comportamenti. La maglia viene lavorata con punti e intrecci scolpiti come bassorilievi. Stampe, forme e decori si mischiano nel grande crogiuolo culturale che da sempre identifica la Città Eterna. La palette cita l’ampia gamma delle sfumature di Roma filtrate dal sole e dal tempo. Toni in dissolvenza che vanno dal rosa all’ocra, fino ai toni giallo, fuxia, arancio e viola dei tramonti sui Fori. Il bianco grezzo del travertino incontra i riflessi d’oro delle cupole e i chiaroscuri delle architetture virano fino al contrasto bianco-nero.  La collezione Biag