Passa ai contenuti principali

OFF CLUB INAUGURA 9 DICEMBRE ROMA 

Inaugura oggi l’Off Club, elegante supperclub esteso su quattrocento metri quadri e tre piani in via di Casal Bertone 64, Roma. Un ambiente cosmopolita e urbano. Ampio ristorante gourmet asiatico con cocktail bar mixology, è il luogo ideale per trascorrere la serata dall’aperitivo al dopo cena. Disegnato da Antonino Cardillo, consulente di lunga data della rivista Wallpaper*, sotto un soffitto di oro grezzo e smalto nero lucido, riunisce il cinema di Kubrick e De Palma, le atmosfere di Grand Theft Auto, il distretto art deco di Miami, le immagini primordiali di Jung, le illusioni ottiche di Escher, le iconostasi delle chiese bizantine, i paraventi giapponesi. Dai due altari di granito nero, il mixology Patrizio Boschetto serve cocktail di ispirazione giapponese con ingredienti come lo sciroppo di riso, yuzu, il sake e la nikka vodka, mentre, l’executive chef Adriano Magnoli e la pastry chef Antonella Mascolo propongono piatti di ispirazione orientale con ingredienti come wagyu, ponzu e litchi uniti ai profumi della nostra tradizione come il tartufo, puntarelle alla romana, zafferano e crema al mascarpone. Titolari: Francesco Curcio e Matteo di Persio. Tanti i super ospiti: Rudi Zerbi, Caccamo Cristiano, Claudia Gerini, Chiara Giordano, Catrinel Marlon, Chiara Francini, Roberta Morise, Michela Andreozzi, Kiara Tomaselli, Francesca Valtorta, Violante Placido, Giacomo Ferrara, Pamela Camassa, Filippo Bisciglie, Matilde Brandi.


Info: offclubrome.com


Commenti

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DELLE CAMELIE - TEATRO QUIRINO 

L’Accademia Costume & Moda porta sul palco del Teatro Quirino le creazioni firmate da sei giovani costumisti per “La Signora delle camelie”. In scena dal 27 febbraio all’11 marzo 2018 con la regia e l’adattamento scenico di Matteo Tarasco, il testo, interpretato da Marianella Bargilli, Ruben Rigillo, Silvia Siravo e con Carlo Greco, rilegge il classico di Dumas Fil per restituire un’immagine del mondo vividamente controversa.
Per la realizzazione dei costumi, Alessia Carraturo, Pamela Lisi, Elena Pellegrini, Catalin Bogdan Pulbere, Manuela Randis e Marialidia Storace, coordinati dal Maestro Andrea Viotti, hanno lavorato a stretto contatto con il regista e con i professionisti della Sartoria Farani, dove ogni capo è stato confezionato.Sviluppato in sinergia con il Teatro Quirino, il Final Work degli studenti del corso di Diploma Accademico di I livello in Costume & Moda, sottolinea il legame di continuità tra Didattica e Lavoro e si inserisce, a più ampio respiro, in un Progetto…

SARTORIAL MONK SS19

Nel processo di creazione delle collezioni uomo e donna di Sartorial Monk, Sabàto Russo individua ogni stagione principi profondi, lontani dall’occidente e fuori dal tempo (che applica nella sua vita e nella creazione rivelandosi giusti e infinitamente attuali.)Per la stagione Spring Summer 2019 la fonte d’ispirazione è una parola giapponese che Sabàto scopre negli scritti di fine ‘800 dello scrittore Lafcadio Hearn (19850 - 1904) che appare anche in altre filosofie: "kokoro", "lo sguardo che coglie il cuore delle cose".Lafcadio, nato a Leucade (27.06.1850), l’isola più segreta dello Ionio, da padre irlandese e madre greca, lavora a lungo come giornalista negli Stati Uniti del Sud. Curioso e appassionato del nuovo e diverso, si trasferisce nel Giappone poco noto di quell’epoca e diventa scrittore. Ormai naturalizzato, pubblica in lingua giapponese una serie di libri di favole e pensieri. Scritti che Sabàto coglie e "raccoglie": il percorso umano e cultura…

LE ECO- SHIRTS DI ANNALISA QUEEN 

Il 22 luglio 2018 si è svolta la presentazione delle Eco-Shirts di Annalisa Queen presso la Boutique MàGia tra gioielli e favole.Il desiderio primario di Annalisa Queen è sempre quello di contribuire alla moda etica e alla sensibilizzazione per un maggior rispetto dell’ambiente e degli animali, nasce cosi la capsule di Eco-shirts: "Elegant Ecologist", "Fashion Ecologist", "Sexy Ecologist"; tre divertenti t-shirts per diffondere un eco-messaggio.
I tessuti utilizzati sono: il bambù che richiede pochissima acqua e consente quindi un gran risparmio di questa risorsa; il Lyocell che si ricava dalla polpa del legno di eucalipto ed è la fibra cellulosica artificiale considerata in assoluto più compatibile con l’ambiente; e il cotone biologico coltivato con metodi e prodotti che hanno un basso impatto sull'ambiente. Le proprietà e benefici della fibra di bambù sono numerose e apprezzabili: i tessuti ricavati dalla fibra di bambù sono infatti più resistenti de…